Folie d'Ophelia

Olio su tela 50x70 cm (dorso 3,5 cm)


Chi è vivo morirà, passando dalla natura all'eternità.


Sull'acqua calma e nera dove dormon le stelle

La bianca Ofelia ondeggia come fosse un gran giglio,

Ondeggia lentamente, stesa nei lunghi veli...

Fremendo sempre piangono sulla sua spalla i salici,

Sfiorate, le ninfee le sospirano intorno;


E un soffio, scompigliando la tua chima fluente,

Al tuo spirito in sogno strani fruscii recava;

Il tuo cuore ascoltava il canto della Natura

Nei gemiti degli alberi, nei sospiri notturni;


Cielo! Amor! Libertà! Che sogno, o dolce Pazza!


da l'Amleto di W. Shakespeare


6 visualizzazioni
  • Black Instagram Icon
  • Black Facebook Icon

© 2020 Stefano Brivio